Over 10 years we help companies reach their financial and branding goals. Engitech is a values-driven technology agency dedicated.

Gallery

Contacts

411 University St, Seattle, USA

engitech@oceanthemes.net

+1 -800-456-478-23

Business Guide di business

Come combattere il Pensiero di Gruppo durante lo Smart Working

In alcuni casi, soprattutto quando la comunicazione di un’azienda avviene interamente (o quasi) online, il comportamento di interi Team di lavoro può essere influenzato da una sorta di “pensiero di gruppo” (groupthink).

Oggi, in questo articolo, vi daremo 4 semplici trucchetti per combattere il pensiero di gruppo durante le riunioni in Smart Working.  Buona lettura!

Cos’è il Pensiero di Gruppo (o Groupthink)?

Con Groupthink, o pensiero di gruppo, si definisce l’attitudine dei membri di un gruppo di lavoro volta a minimizzare i conflitti all’interno del team e a raggiungere il consenso senza ricorso alla messa a punto, all’analisi e alla valutazione critica delle idee. Il pensiero di gruppo, ovviamente, lascia esanimi dietro di sé la creatività individuale, l’originalità, la contrapposizione di idee e il confronto.

Va da sé che il pensiero di gruppo è particolarmente dannoso per gli affari. Quando il nostro luogo di lavoro viene inghiottito dal pensiero di gruppo, tendiamo a divenire compiacenti, rinunciando del tutto a innovare per paura o per apatia. Per questi motivi bisogna combattere il Pensiero di Gruppo quando questo si viene a formare nel nostro Team.

combattere il pensiero di gruppo

Molti di noi hanno dovuto affrontare (e stanno ancora affrontando) il lavoro a distanza, a causa della famigerata emergenza Coronavirus. Troppo spesso lo Smart Working viene esaltato a soluzione assoluta, aggiungendo che, l’interruzione della routine d’ufficio, abbinata a una nuova entusiasmante tecnologia di collaborazione, annullerebbe l’apatia, il soffocamento, le formalità obsolete e la tensione che spesso portano problemi durante la vita d’ufficio tradizionale.

Ma non si erano ancora fatti i conti con il Pensiero di Gruppo…

Si è scoperto, infatti, che i canali di comunicazione digitale come Zoom sono terreno fertile perfetto per il pensiero di gruppo: conversazioni dominate da una o due persone, compiacimento e il desiderio costante (spesso inconscio) di terminare le conversazioni la fanno, troppo spesso, da padrone.

Quindi… Come combattere il Pensiero di Gruppo durante le Conference Call?

Tenendo a mente queste dure verità sullo smart working, ecco alcune cose che possiamo fare per combattere il pensiero di gruppo e assicurarci che le nostre Call non siano dominate da apatia e paura di mettersi in gioco.

1. Arriva all’incontro preparato (e fai preparare anche i tuoi colleghi)

Come singolo, approccia alla conference call preparato, con una o due domande mirate o critiche costruttive per contribuire alla discussione. Prova a domandarti se sei abbastanza chiaro e se stai fornendo tutti i dettagli per essere compreso. Prepara e comunica in anticipo anche scadenze precise e insindacabili.

2. Crea possibilità di follow-up per i tuoi colleghi più timidi

Per alcuni smart worker, soprattutto per quelli più timidi, attivare l’audio mentre qualcun altro sta parlando può essere difficile. Che si tratti di ansia, paura o di scarsa dimestichezza con la tecnologia, ci sono grandi rischi di perdere le idee e le critiche più costruttive. Dopo una conference call chiedi al tuo team di ricontattare i partecipanti (con e-mail o su Whatsapp) per richiedere idee e commenti che non sono riusciti a sollevare durante il briefing virtuale.

3. Fai ruotare l’host o il responsabile della riunione

Questo piccolo trucchetto è un modo semplice per far sentire tutti inclusi e apprezzati. Gli host, nel momento in cui creano la stanza virtuale si sentono investiti di importanti responsabilità e saranno più partecipi durante la Call.

4. Rendi le tue riunioni democratiche e proattive

Esistono diversi modi per incoraggiare riunioni meno passive e più fruttuose durante le videochiamate. Comunica in anticipo ai membri del team più ansiosi e timidi l’orario della riunione dandogli il tempo di prepararsi professionalmente e psicologicamente. Organizza call o conversazioni (per email o su whatsapp) di brainstorming prima e dopo la riunione per confrontarti con il tuo team nella loro comfort zone. Successivamente dai loro l’opportunità di concretizzare le loro idee e dai valore ai loro contributi. Per prendere decisioni a livello di team, usa i strumenti di votazione democratici, come quelli messi a disposizione dai principali tools (ad esempio Trello).

SE TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO LASCIACI UN LIKE E RICONDIVIDILO SUI SOCIAL!

Non dimenticarti di farci sapere cosa ne pensi nei commenti qui sotto. Commenta scrivendo quale argomento ti piacerebbe che trattassimo nei prossimi articoli!

Author

admin

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *